Programma
CIP - Programma quadro per l’innovazione e la competitività
Data inizio
Data fine
Tipologia
Fondi europei
Temi
Sicurezza
Valore economico
1.973.000 €

PIDaaS è un progetto finanziato dal Programma Quadro per l’innovazione e la competitività (CIP) dell’Unione Europea. Il team di progetto ha realizzato un servizio sicuro di autenticazione su cellulare basato sulle nuove tecnologie di riconoscimento biometrico, quali l’impronta vocale e il riconoscimento facciale.

Per una maggiore affidabilità il prototipo ha abbinato dati biometrici, fattore principale per garantire l'identità digitale, a altri fattori univoci e sicuri relativi ad hardware, software, rete. Inoltre ha adottato meccanismi avanzati di protezione biometrica (Biometric Template Protection Schemes) per garantire l’inviolabilità dell’autenticazione.

Il CSI Piemonte è coordinatore e unico partner italiano, gli altri partner sono: BANTEC (Spagna), Bdigital (Spagna), RICOH (Spagna), Università di Kent (Regno Unito), e-Bros (Lituania), TicSalut (Spagna) e Gjøvik University College (Norvegia).

Opportunità

Il servizio sperimentale PIDaaS può essere di grande interesse sia per le pubbliche amministrazioni sia per le imprese. Le amministrazioni potranno, ad esempio, integrarlo con SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, in collaborazione con uno o più Identity Provider. Inoltre è possibile adattarlo per l’autenticazione dei dipendenti che utilizzano specifiche procedure riservate agli addetti.

Le aziende potranno adeguare il sistema di riconoscimento alle proprie esigenze e al proprio contesto di utilizzo, differente da quello delle pubbliche amministrazioni. Ad esempio possono essere modificate o estese le sorgenti biometriche, utilizzando altre caratteristiche come le impronte digitali, il palmo della mano, il colore e la dimensione dell'iride.

Risultati

Raggiunti gli obiettivi della sperimentazione: è stato realizzato un servizio di autenticazione biometrica multifattore (volto e voce) attraverso l'uso di dispositivi mobile Android e iOS, integrabile con procedure e applicativi web che trattano dati sensibili o critici. La Commissione Europea ha certificato il successo della sperimentazione assegnando il punteggio massimo, ottenuto attraverso l'applicazione del servizio sperimentale in tre differenti scenari: e-market, e-health e e-citizen.