Data inizio
Data fine
Tipologia
R&S CSI
Temi
Sicurezza
Allegati

Contesto

Ormai è sempre più evidente che i dati personali diventeranno l’asset strategico su cui si baserà il mercato dei servizi nei prossimi anni, indipendentemente dallo specifico ambito o dalla tipologia di utenti coinvolti.

Attualmente è quasi impossibile avere una visione chiara e complessiva delle informazioni presenti in tutti i sistemi informativi che direttamente o indirettamente un soggetto utilizza quotidianamente: sistemi per loro natura eterogenei, distribuiti a livello geografico, di competenza e, soprattutto, organizzativo.

Anche solo focalizzando l’attenzione al mondo della Pubblica Amministrazione è facile intuire che se per garantire il corretto funzionamento amministrativo, per ogni individuo, impresa o organizzazione è necessario gestire ed archiviare decine se non centinaia di informazioni ogni anno, appare nella sua interezza e complessità la necessità di disporre di un sistema integrato e soprattutto efficiente.

Ad aggravare lo scenario è la situazione attuale della digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e dei vari soggetti pubblici o privati coinvolti in cui i dati raccolti vengono gestiti localmente, secondo logiche e protocolli specifici, generando dei veri e propri silos autonomi, spesso privi di meccanismi di interoperabilità ed interazione con le altre amministrazioni e con il governo centrale.

 

Per poter rispondere a queste esigenze, superando molti dei problemi derivanti dall’applicazione di un modello centralizzato classico, in questi ultimi anni si sta considerando e valutando un approccio differente basato sulla realizzazione di uno o più registri decentrati (distributed ledger) mutuando alcune idee e tecnologie (blockchain) implementate nell’ambito delle criptovalure (es. bitcoin).

In particolare, dal 2015 è cresciuto enormemente da parte di soggetti governativi (Comunità Europea, Governo UK, Estonia, ecc.) l’interesse nei confronti della tecnologia blockchain soprattutto per la sua capacità intrinseca di gestire in modo sicuro e certificato lo scambio di informazioni tra oggetti connessi in rete senza l’esigenza di un organismo centrale di controllo.

 

Uno degli aspetti principali da considerare quando si vuole realizzare una soluzione basata su tecnologie Blockchain è proprio il diverso modo di “affrontare” il problema. Non ci si limita, infatti, a risolvere in modo tecnologicamente diverso il singolo bisogno, piuttosto si crea una modalità di gestione più estesa che, oltre a superare i problemi specifici, costruisce un approccio “a rete”, in grado di produrre nuove opportunità sia in termini di nuovi servizi sia nell’incremento significativo di interconnessioni finalizzate a valorizzare i dati e le informazioni già oggi presenti sui singoli sistemi

 Obiettivi

Gli obiettivi principali sono:

  • Acquisire competenze tecniche sulle principali implementazioni opensource della tecnologia Blockchain
  • Definire le metodologie e le soluzioni infrastrutturali necessarie per la gestione di progetti basati su Blockchain
  • Analizzare le possibili applicazioni di business in ambito PA e gli impatti rispetto ai modelli tradizionali
  • Diffondere la competenza di base e sensibilizzare i vari soggetti del territorio (PA locale, università, industria, ecc.) sui possibili benefici anche grazie al confronto con esperienze di progetti esterni