Programma
HORIZON 2020
Data inizio
Data fine
Tipologia
Fondi europei
Temi
Smart Data Platform
Valore economico
7.999.882 €

BIG IoT lavora per migliorare l’interoperabilità tra le diverse piattaforme verticali per l’IoT e favorire lo sviluppo di nuovi servizi e applicazioni in ambito Internet of Things, dando valore al grande quantitativo di dati pubblici e privati provenienti da dispositivi mobili e sensori interconnessi, capaci di interagire in tempo reale con l'ambiente esterno. Grazie al progetto BIG IoT gli sviluppatori di servizi e applicazioni potranno fruire di dati resi disponibili da piattaforme diverse tra loro, senza dover sviluppare specifiche soluzioni di accesso.

Il divario di interoperabilità tra le piattaforme può essere infatti superato definendo una generica e unificata interfaccia web (denominata BIG IoT API) sviluppata con un approccio di open community e adottata da 8 piattaforme di smart objects: in Italia dalla Smart Data Platform del CSI e poi da altre 7 piattaforme in Germania, Grecia, Irlanda e Spagna.

Ad aprile 2017 è stata lanciata la prima Open Call rivolta a piccole e medie imprese, startup, università e centri di ricerca. I partecipanti alla call integreranno le loro piattaforme con l'infrastruttura BIG IoT per rendere fruibili i dati attraverso il marketplace del progetto, possibilmente avendo come oggetto le tre aree pilota di BIG IoT (Piemonte, Barcellona e Berlino) e il settore della mobilità e della qualità dell'aria.

Per promuovere l’adozione della BIG IoT API i partner di progetto coinvolgono le comunità di sviluppatori e inoltre verrà realizzata una infrastruttura software - il BIG IoT marketplace - per la condivisione di servizi e applicazioni IoT.

Il CSI Piemonte si occupa di rendere accessibili i dati presenti sulla Smart Data Platform regionale (www.smartdatanet.it) accessibile mediante l’infrastuttura BIG IoT. In Piemonte ha coinvolto le città di Biella e Vercelli, come sedi di sperimentazione.

Opportunità
  • valorizzazione della Smart Data Platform come piattaforma per la Smart City, con integrazione sulla piattaforma di nuovi dati provenienti da sensori: qualità dell’aria, dati relativi al traffico, alla disponibilità di parcheggi lineari, alla disponibilità di stalli di bike sharing liberi
  • sviluppo di sensori Traffic Counting e algoritmi di analisi dello streaming
  • servizi per i cittadini: sviluppo di app su Healthy e Smart parking
  • servizi per le pubbliche amministrazioni, come ad esempio il cruscotto Traffic management
  • coinvolgimento di piccole e medie imprese a seguito della Open Call lanciata ad aprile 2017
  • possibile coinvolgimento di startup e Atenei negli hackathon locali e europei
  • la partecipazione all’iniziativa EPI - European Partner Initiative consente di instaurare nuove relazioni con partner esterni al progetto